L'Arcivescovo incontra i bambini in Cattedrale

L'Arcivescovo incontra i bambini
L'Arcivescovo incontra i bambini

È stato davvero un pomeriggio speciale quello vissuto oggi da centinaia di ragazzi dai 10 ai 14 anni, che hanno gremito la Cattedrale di Udine per il tradizionale incontro con l’Arcivescovo di Udine, mons. Andrea Bruno Mazzocato, all'inizio dell'Avvento. E per l'Avvento il presule ha chiesto ai ragazzi l'impegno di «rompere l'arma della lingua».

Prendendo spunto dalla lettura del brano evangelico tratto dal libro del profeta Isaia, mons. Mazzocato ha invitato i ragazzi ad accogliere Gesù «perché ci riempia di gioia e di pace e ci aiuti a rompere le armi». Quali? «Ce ne sono tante, in tutti i paesi», ha sottolineato l'Arcivescovo, che si è soffermato in particolare sul potere delle parole di ferire gli altri. «Usate la lingua per parlare bene e non per fare del male», ha detto, rivolgendosi alla giovane assemblea.


L’iniziativa, organizzata dall'Ufficio diocesano di Pastorale giovanile, è stato un semplice, ma intenso momento di preghiera aperto non solo a chi frequenta gruppi parrocchiali, ma a tutti i ragazzi dalla quinta elementare alla terza media. 

«Abbiamo visto una grande luce – Moltiplica la nostra gioia», il titolo dell’incontro, che si è sviluppato sul tema della luce, introdotto dalla lettura del capitolo 9 di Isaia, innestandosi così all'interno del percorso pastorale, che tutta la Chiesa Udinese sta compiendo, sul tema della carità. All’inizio della veglia ogni gruppo si è presentato all’Arcivescovo, che poi, durante l’omelia spiegata dal presule udinese con il coinvolgimento dei ragazzi stessi, ha risposto ad alcune loro domande. 

Al termine dell’incontro è stata consegnata a ciascun partecipante una calamita illustrata con il logo della veglia, il cui significato è: «per restare attaccati all’amore di Gesù».


A cura dell'Arcidiocesi di Udine