2° Domenica d'Avvento

II° Domenica d'Avvento
II° Domenica d'Avvento

 

PREPARATEVI

 

"Voce di uno che grida nel deserto :

preparate la via del Signore ”( Is 40,3)

 

Carissimi fratelli e sorelle ,

in questa seconda Domenica di Avvento è l’imponente figura di Giovanni Battista a guidarci nella nostra breve mediazione e preghiera , proseguendo il cammino di preparazione al Santo Natale del Signore...

L’Evangelista Marco in particolare riprende le parole del Profeta Isaia per descrivere la sua Missione di “Precursore” , cioè di colui che “prepara” la via del Signore. Se dunque la scorsa Domenica la parola d’ordine era per tutti : “Vegliate”, questa seconda Domenica di Avvento potremmo dire che l’imperativo “categorico” è:


“Preparatevi ”!


La Liturgia della Parola (in particolare il Vangelo) che ascoltiamo in queste Domeniche non a caso dunque ci guida e ci accompagna gradualmente all’Avvento del Signore e sicuramente Giovanni Battista resta il più grande tra gli antichi Profeti in questa opera fondamentale e sempre più necessaria, anche ai nostri giorni, di mobilitazione delle coscienze. Di lui stesso il Signore Gesù dirà sul finire della sua Missione: “ In verità vi dico : tra i nati di donna non è sorto uno più grande di Giovanni il Battista ” (Mt 11,11). Fin dall’inizio infatti aveva suscitato una grande impressione la sua predicazione e la sua testimonianza di fronte agli uomini del suo tempo che lo interrogavano e aspettavano la venuta ormai imminente del Messia : “Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo” (Mc 1, 7-8).


Fratelli e sorelle, sentiamoci anche noi richiamati con forza, ancora una volta, dalle parole e dall’esempio del Battista per rinnovare in questo Tempo di Avvento le esigenze del nostro Battesimo e della vera Santità. Sappiamo che nella Storia della Chiesa molti teologi hanno utilizzato, come si suol dire, “fiumi di inchiostro” e hanno scritto notevoli “commenti e riflessioni”, cercando di interpretare al meglio tutte queste belle pagine del Vangelo, ma sono soprattutto i Santi che, prendendo anche solo una frase e facendone il loro programma di vita, le hanno maggiormente esaltate e rese comprensibili agli uomini del loro tempo, proprio attraverso la loro testimonianza.


Anche la vita e la missione di San Giovanni Battista ci aiutano a comprendere dunque come in fondo la santità del cristiano nasce da un “sussulto” di gioia nell’incontro con il Signore che viene sempre a visitarci per primo (cf  Lc 1, 39-45). Quel “sussulto” di gioia nello Spirito Santo che Gesù, portato nel grembo da Maria, provocherà nel seno di Santa Elisabetta, lo farà diventare “Voce di uno che grida: nel deserto preparate la via del Signore”. Ultimo degli antichi profeti dell’Antico Testamento Giovanni Battista ci ricorda infine quella dignità “profetica” di ogni cristiano anch’egli chiamato  fin dalla sua nuova nascita con la Grazia del Battesimo, a far risuonare prima di tutto in se stesso quella “Voce ” che richiama tutti gli uomini a sincera conversione a al ritorno a Dio, diffondendosi nei cuori e nelle coscienze dei credenti.


Come egli stesso spesso e in ogni occasione ci invita a fare, vogliamo allora anche noi ricordarci di pregare in particolare in questa Domenica per il nostro Papa Francesco, il quale oltre che ad essere certamente il 265° “Successore” di Pietro, è un grande Profeta dei nostri tempi!


Don Giuliano Del Degan