Passione Domini: "Anche oggi il crocifisso porta il peso dei nostri peccati"

«Baciamo il crocifisso, baciamo Gesù e le sue piaghe nelle quali c’è tutta la Misericordia del Signore per noi». L’ha detto l’Arcivescovo di Udine, mons. Andrea Bruno Mazzocato, nell’omelia della celebrazione «In Passione Domini», tenutasi nel pomeriggio di oggi, Venerdì Santo, in Cattedrale. Al centro della celebrazione la lettura della Passione secondo Giovanni, nella quale, ha affermato l’Arcivescovo, «Gesù realizza la profezia annunciata da Isaia e prende su di sé i peccati di tutti gli uomini per salvarli dalla condanna».

Ecco allora l’invito di mons. Mazzocato: «In questa celebrazione così profonda del Venerdì Santo preghiamo per tutti, per tutti i cristiani, per tutta la Chiesa, per tutti gli uomini, per le tante persone che in questa giornata non possono frequentare la Chiesa e meditare la Passione di Gesù, per le tante persone che, purtroppo, si dimenticano che oggi è il Venerdì Santo.


Preghiamo per tutti e mettiamoci davanti a Gesù crocifisso, perché egli continua a portare i peccati di tutti gli uomini, intercedendo per noi presso Dio Padre». E' seguita poi l'ostensione del crocifisso, portato fino all'altare al canto delle litanie. E invitando i fedeli al bacio della croce e all'adorazione, mons. Mazzocato ha concluso: «Raccogliamoci in una lunga e profonda preghiera universale, nella quale per noi e per tutti esprimeremo la nostra adorazione al crocifisso, baceremo il crocifisso e in esso Gesù, le sue piaghe nelle quali c’è tutta la misericordia».

 

www.diocesiudine.it